Coronavirus, in Europa, letale per un paziente con tumore su tre

Capire, il più in fretta possibile, come curare al meglio i pazienti oncologici che contraggono il virus, come evitare un numero elevato di decessi e il modo più efficace per limitare le conseguenze in persone già debilitate E’ stato questo, fin dall’inizio dell’epidemia di Covid-19, l’obiettivo degli oncologi in tutto il mondo, che da subito hanno invitato i malati di cancro (e familiari) ad avere una particolare prudenza visto che sono particolarmente delicati: perché hanno le difese naturali ridotte per svariati motivi che vanno dalla malattia stessa agli effetti collaterali delle terapie (a causa ad esempio di deperimento, deficit immunologici, leucopenia indotta dai trattamenti) e, quindi, a maggior rischio di andare incontro sia a sindromi influenzali che alle loro complicanze. Ora uno studio su quasi 900 pazienti europei, che vede l’Italia in prima fila, mette in evidenza che  SARS-CoV-2 è stato letale per circa un malato di cancro su tre. Le conclusioni indicano che tre quarti di loro ha sviluppato almeno una complicanza da Covid-19 e che la mortalità nei malati di tumore è in media del 33%, ma è alta soprattutto nel sesso maschile, negli over 65 e in chi ha almeno altre due patologie importanti, per esempio ipertensione e diabete. Se il tumore era in fase di progressione, poi, la prognosi è stata peggiore, mentre non influenzano il decorso dell’infezione virale le terapie oncologiche in atto.

Chi rischia di più fra i malati di tumore

In base ai dati cinesi, soprattutto, a fine marzo 2020 appariva ormai chiaro che le persone più avanti con gli anni e quelle che soffrono di alcune malattie croniche (quali ad esempio diabete o patologie cardiovascolari) erano più a rischio di andare incontro alle conseguenze più gravi e critiche dell’infezione da SARS-CoV-2. E che circa il 20% dei decessi per Covid19 si registrava in persone con una diagnosi di tumore nei cinque anni precedentiOra i dati raccolti dallo studio internazionale OnCovid, appena pubblicato sulla rivista ufficiale della Associazione Americana per la Ricerca sul Cancro (AACR) Cancer Discovery e coordinato dall’Università del Piemonte Orientale a Novara insieme all’Imperial College di Londra, riportano la storia naturale di 890 pazienti oncologici ricoverati per Coronavirus in 19 centri italiani, inglesi, spagnoli e tedeschi durante i mesi di marzo e aprile, seguiti poi fino a metà maggio. Il primo dato che emerge è che a rischiare maggiormente sono i pazienti maschi: la mortalità è infatti del 41% contro il 26% delle donne. Che, peraltro, nel caso del tumore al seno, scende al 15%, il più basso rispetto a tutti gli altri tipi di tumore. Le neoplasie ematologiche sono invece quelle con un decorso peggiore. Scontato, ma ora confermato da numeri, il dato sulla mortalità tra gli over 65: più che doppia rispetto a quella dei più giovani. E lo stesso vale per chi soffre di altre due malattie oltre al tumore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *