Archive for March 14, 2020

Coronavirus, al via test per antivirale remdesivir: partecipa anche l’Italia

L’Italia parteciperà a due studi per valutare l’efficacia e la sicurezza del farmaco sperimentale remdesivir negli adulti ricoverati per Covid-19. Lo hanno annunciato Aifa (Agenzia italiana del farmaco) e Gilead Sciences. Gli studi (di fase 3) saranno inizialmente condotti presso l’Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani (Roma). Si stanno identificando altri ospedali in regioni con alta incidenza dell’infezione da coronavirus. Remdesivir non è ancora approvato per uso terapeutico e viene fornito per uso compassionevole — al di fuori degli studi clinici — per il trattamento in emergenza di singoli pazienti con Covid-19 in gravi condizioni e senza valide alternative terapeutiche.

Blocca replicazione del virus

Il remdesivir rappresenta una possibilità interessante: la molecola potrebbe essere in grado di bloccare la replicazione del coronavirus, dando un segnale di «fine catena». I due studi — a livello mondiale — coinvolgeranno in totale 1000 pazienti, di cui 400 in condizioni gravi e 600 con forme moderate della malattia. Il farmaco sarà somministrato in via intravenosa. Fino ad oggi remdesivir è stato testato in vitro e in vivo (su animali) contro i virus di Ebola, Marburg (febbre emorragica), Mers (sindrome respiratoria mediorientale) e Sars (sindrome respiratoria acuta grave). È stato anche somministrato a volontari in salute e a persone con Ebola.